Anomaleet e le buche stradali di Padova: in agosto i primi ripristini con piastra calda

Anomaleet prosegue nell’analisi delle buche stradali di Padova. Un percorso, quello intrapreso dalla startup guidata dal Ceo Volfango Politi e dai fratelli Mauro e Michele Sala, destinato a migliorare la sicurezza sulle strade dell’importante città veneta come riportato anche dal quotidiano Padova Oggi.


Anomaleet e le buche stradali di Padova, un esperimento iniziato quasi due anni fa


“Abbiamo presentato Anomaleet all’assessore alla viabilità del capoluogo euganeo Andrea Micalizzi e all’ingegner Roberto Piccolo circa 2 anni fa” spiega Volfango Politi. “Insieme abbiamo deciso di iniziare una sperimentazione su un pacchetto di 50 anomalie, applicando la formula Global Service. L’obiettivo è quello di verificare se la nostra proposta di gestione dei dissesti stradali sia sostenibile. Gli ostacoli da superare fino a oggi non sono stati di poco conto. Poiché, infatti, per costruire una mappa delle anomalie affidabile è necessario un elevato numero di dati, abbiamo stabilito di installare su diversi mezzi comunali i nostri rilevatori. L’operazione in sé è semplice, ma ci ha costretto a confrontarci con il delicato tema della privacy dei dipendenti. Dimostrando che il nostro sistema rileva e geolocalizza solo le problematiche, senza indicare da quale mezzo sono state individuate, il problema è stato superato. Subito dopo la raccolta dati ha potuto cominciare”. 


Nuovo sopralluogo lo scorso 31 maggio


“Per verificare e implementare le informazioni raccolte fino a oggi – spiega quindi Mauro Sala, responsabile del software di Anomaleet – il 31 maggio scorso abbiamo compiuto un sopralluogo diretto utilizzando due veicoli dedicati. Sul primo c’erano i nostri sensori e macchine fotografiche speciali per la rilevazione delle immagini. Sul secondo, invece, i nostri piloti di droni con le loro sofisticate attrezzature. Durante la giornata abbiamo raccolto circa 700 immagini subito localizzate sul sistema cartografico della nostra suite e aggregate con quelle rilevate in precedenza. Si è così ulteriormente integrato l’archivio online, documentando l’evoluzione di ogni anomalia nel tempo”.

Il ripristino

“Ora individueremo, in accordo con i responsabili del servizio, alcune delle anomalie più gravi e proporremo al Comune il loro ripristino con le nostre innovative tecnologie a piastra autoscaldante, che non prevedono l’utilizzo di nuovo bitume, ma solo il riciclo di quello esistente. Questo comporta costi ridotti, tempi rapidi, risultati certi e impatto ambientale ridotto al minimo perché durante l’operazione non si producono materiali di scarto. In sostanza riusciamo a fare in pochi giorni ciò che con i metodi tradizionali si esegue, solitamente, in diversi mesi”.


A Padova anche i droni

“Con i droni – aggiunge Michele Sala, l’autore dell’algoritmo alla base del funzionamento della Suite di Anomaleet – abbiamo effettuato sia rilevazioni fotografiche, sia termografie.  Le rilevazioni sono molto utili soprattutto per verificare le condizioni delle strade a doppia carreggiata, mentre le termografie sono preziose per il rilevamento delle condizioni di salute generali del manto stradale”.


Anomaleet e le buche stradali di Padova: la consulenza assicurativa


“Una volta ultimato il ripristino – riprende Politi – proporremo al Comune la consulenza assicurativa degli esperti di Marsh. Eliminando le anomalie, infatti, migliora la sicurezza stradale e diminuiscono automaticamente i sinistri e i risarcimenti alle vittime. Prendendo in considerazione i nuovi parametri il broker assicurativo potrà proporre al capoluogo euganeo un piano che prevede sensibili risparmi sul premio”.


In arrivo anche la blockchain

“Non è facile spiegare a tutti gli stakeholder gli enormi vantaggi che produrrà Anomaleet, ovunque verrà utilizzato, nella gestione dei dissesti stradali – conclude il Ceo – Oltre alla consistente riduzione dei sinistri con vittime (feriti e, ancora oggi troppo spesso, anche morti) e ai conseguenti risparmi in materia di premi assicurativi e risarcimenti, la nostra suite garantisce al committente anche la certificazione del “chi fa cosa”. Tramite essa, per esempio, è possibile risalire in modo certo all’autore di un ripristino di anomalia rivelatosi difettoso e per il quale occorre un secondo intervento. Non è un caso che già oggi stiamo lavorando a una blockchain certificata e immodificabile, un vero e proprio registro di rilevazioni, evoluzione dei dissesti e manutenzioni che si rivelerà prezioso alleato di ogni cliente”.